Ecco cosa (forse) causava l’esplosione della batteria del Samsung Galaxy note 7

Instrumental, un laboratorio di ricerca indipendente e non ufficiale, ci dice la sua sulle esplosioni del Samsung Galaxy note 7: le batterie sarebbero esplose a causa del design troppo azzardato del device. Infatti, da quanto possiamo vedere dall’immagine sottostante, possiamo affermare a prima vista che i poli della batteria sono troppo ravvicinati ad alcune altre componenti elettriche dello smartphone. “I tecnici Samsung erano sin dall’inizio consapevoli dell’azzardato design del dispositivo” – dice Instrumental – “e questo si può facilmente dedurre da un inusuale e costoso involucro inserito all’interno della scocca per separare la batteria dagli altri componenti del device”. La batteria sarebbe stata quindi molto compressa per ottenere una buona autonomia in dimensioni ridotte e per ottenere un buon design finale, quel design troppo estremo.

Questa la comunicazione ufficiale di Instrumental:

Quello che abbiamo scoperto è stato sorprendente: il design può comprimere la batteria anche durante le operazioni normali.

Perché questo dovrebbe essere importante? La batteria ai polimeri di litio di Galaxy Note 7 è come se fosse un composto gelatinoso appiattito formato da uno strato positivo fatto di ossido di litio-cobalto, uno strato negativo in grafite, e due strati separatori imbevuti da una soluzione elettrolita fatti di polimeri. Gli strati separatori consentono agli ioni (e all’energia) di scorrere fra gli strati positivi e negativi, senza permettere a questi ultimi di toccarsi. Se gli strati positivi e negativi si toccano, l’energia scorre direttamente nell’elettrolita che, riscaldandosi, produce un quantitativo di energia superiore e conseguentemente più calore, risultando tipicamente in un’esplosione. La compressione della batteria genera pressione su questi strati separatori polimerici che mantengono la batteria al sicuro.

Se i Galaxy Note 7 non fossero stati richiamati per le batterie esplosive, crediamo che in pochi anni questi smartphone sarebbero andati in pezzi per via di inevitabili rigonfiamenti delle batterie. Una batteria più piccola prodotta utilizzando parametri standard di produzione avrebbe risolto il problema delle esplosioni e dei potenziali rigonfiamenti. Ma una batteria più piccola avrebbe ridotto l’autonomia operativa del sistema a livelli inferiori rispetto al predecessore, il Note 5, e del suo più grande competitor, iPhone 7 Plus.      

                                  

Il Samsung Galaxy note 7

Questo è tutto quello che finora sappiamo. Non ci resta che aspettare una risposta ufficiale di Samsung per saperne di più sui Galaxy note 7 esplosi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...